Enorme exploit mediatico della Giornata Internazionale dello Yoga a Roma nella “casa” del CONI

Enorme Exploit Mediatico Della Giornata Internazionale Dello Yoga A Roma Nella “casa” Del CONI
Enorme exploit mediatico della Giornata Internazionale dello Yoga a Roma nella “casa” del CONI
Comunicato stampa - Centro Nazionale Sportivo Libertas Cinque troupes televisive nel Centro di Preparazione Olimpica…

Comunicato stampa – Centro Nazionale Sportivo Libertas

Cinque troupes televisive nel Centro di Preparazione Olimpica “Giulio Onesti” del CONI per tributare una straordinaria visibilità all’evento storico promosso dalla Libertas e dall’Unione Induista Italiana che hanno sdoganato lo yoga nel gotha dello sport azzurro. Piena adesione al protocollo sottoscritto dal Ministero dell’Interno e dal CONI per integrare – attraverso i valori universali dello sport – i minori stranieri ospiti del sistema di accoglienza nazionale.

I valori dello sport e dello yoga si aprono alla cittadinanza transnazionale, alla condivisione di percorsi evolutivi, alla visione di una nuova civiltà dell’empatia. La Libertas e l’Unione Induista Italiana hanno elaborato una consapevole integrazione fra lo sport e lo yoga – quale antidoto contro il disagio psicosociale della nostra contemporaneità – per qualificare la risposta etica e pragmatica alla domanda emergente di una migliore qualità della vita.

Queste motivazioni hanno ispirato l’evento che la Libertas e l’Unione Induista Italiana hanno realizzato martedì 21 giugno 2016 a Roma nel Centro di Preparazione Olimpica “Giulio Onesti” del CONI. Sul manto erboso del Campo 7 ha avuto luogo l’happening di yoga: policromia di stuoini e di teli come petali di un fiore aperto alla radiosa espansione di coscienza.

Nell’Aula Magna gremita di sportivi, praticanti di yoga, oltre trenta operatori della comunicazione (giornalisti, fotoreporter, cameraman, ecc.) si è svolta la celebrazione della Giornata Internazionale dello Yoga proclamata dall’ONU su proposta del Primo Ministro dell’India Shri Narendra Modi. La suggestiva cerimonia “accensione della lampada” ha aperto i lavori.

Sono intervenuti l’Ambasciatore dell’India a Roma S.E. H.E. Anil Wadhwa, la dr.ssa Rossana Ciuffetti Direttore della Scuola dello Sport del CONI, il sen. Lucio Malan Questore del Senato della Repubblica, la dr.ssa Giovanna Maria Iurato Prefetto del Ministero dell’Interno (Direzione Centrale per gli Affari dei Culti), il dr. Vincenzo Corso Coordinatore della Conferenza Nazionale dei Presidenti Regionali e Presidente del Centro Regionale Libertas del Lazio che ha portato il saluto del prof. Luigi Musacchia Presidente Nazionale della Libertas, l’avv. Franco Di Maria (Jayendranatha) Presidente dell’Unione Induista Italiana, il dr. Paramahamsa Svami Yogananda Ghiri Fondatore dell’Unione Induista Italiana e guida spirituale del Matha Gitananda Ashram, la dr.ssa Svamini Hamsananda Ghiri Vice Presidente dell’Unione Induista Italiana, la dr.ssa Sabrina Parsi Giornalista – Responsabile del Coordinamento Nazionale Yoga Libertas, il dr. Ruggero Alcanterini Giornalista – Presidente del Comitato Nazionale Fair Play del CONI, il dr. Paolo Cecinelli Giornalista – Capo Redattore dei Servizi Sportivi della televisione La7, il dott. Carlo Tranquilli Medico Sportivo, la dr.ssa Monica Promontorio Presidente dell’Associazione “Vivere da sportivi” riconosciuta dal MIUR, il dr. Ennio La Malfa Presidente dell’Associazione Accademia Kronos riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente, la dr.ssa Nedda Dallago Psicologa ed esperta di yoga, l’ing. Francesco De Matteis Esperto sicurezza nei luoghi di lavoro – formatore e RSPP (responsabile servizio prevenzione e protezione) che collabora con CONTARP – INAIL, il dr. Fabio Benigni Segretario Nazionale della UIL Comunicazione.

Fra le presenze più significative Sri Vaha Viranatha Yogi Presidente dello Yogananda Ashram di Roma ed il dr. Carlo Dalia Presidente del Centro Provinciale Libertas di Roma. Di alto profilo il videomessaggio del Primo Ministro dell’India Shri Narendra Modi che ha ribadito la mobilitazione dell’ONU per la diffusione planetaria dello yoga. I canti devozionali dei bambini indiani hanno aperto e concluso la celebrazione della Giornata Internazionale dello Yoga.

L’evento – patrocinato dal CONI e dall’Ambasciata dell’India a Roma – è stato organizzato in collaborazione con la Scuola dello Sport CONI. Cospicua e sensibile l’attenzione dei media (troupes televisive, quotidiani, agenzie giornalistiche, network on line, siti web, social, ecc.). Si sono accesi i riflettori su due dimensioni parallele – unite nella diversità – che intercettano una linea di tendenza emergente dalle grandi aree della sensibilità sociale.

Il ventaglio delle motivazioni è ampio (movimento, salutismo, crescita interiore, ecologia mentale, quotidianità schizofrenica, bioritmi stressati, ecc.) ma converge verso un traguardo unico: migliorare la qualità della vita individuale e – conseguentemente – elevare una qualità sociale per tutti. Questo denominatore comune consente oggi allo sport ed allo yoga di consorziare le sinergie verso nuovi paradigmi esistenziali.

La Libertas e l’Unione Induista Italiana – impegnate nelle politiche dell’ascolto e dell’accoglienza – ritengono di alto profilo il protocollo di intesa sottoscritto recentemente dal Ministero dell’Interno e dal CONI “per la diffusione, la pratica e l’implementazione di attività sportive a favore dei minori stranieri ospiti del sistema di accoglienza nazionale”. Oggi il protagonismo delle associazioni di base svolge un ruolo considerevole di sussidiarietà e di complementarietà in contesti sociali che diventano sempre più pluriculturali, multietnici, interconfessionali. Pertanto lo sport e lo yoga contribuiscono a promuovere nelle città plurali il dialogo dell’inclusione sociale fra le comunità immigrate.

Sono stati avviati con la Scuola dello Sport del CONI i preliminari per la realizzazione di eventi finalizzati alla promozione congiunta sport – yoga che saranno articolati in momenti dimostrativi sussidiati da integrazioni esplicative di alto profilo culturale, medico e scientifico. In sostanza la Libertas e l’Unione Induista Italiana sono antesignane di una nuova frontiera per il benessere psicofisico delle nuove generazioni.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie di Google Analytics per monitorare le visite e per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o se clicchi su "Accetto" permetti il loro utilizzo.

Chiudi